You have reached the website

Qual è l’ora migliore per il caffè?

Qual è l’ora migliore per il caffè?

L’ora migliore per il caffè: abitudini e curiosità

È possibile stabilire in maniera scientifica l’ora giusta per l’espresso per poterne apprezzare i benefici? A quanto pare sì. Una ricerca effettuata dall’University of the Health Sciences di Bethesda nel Maryland (USA) e coordinata dal neuroscienziato Steven Miller, dice che il caffè espresso va bevuto tra le 9.30 del mattino e le 11.30.
Secondo questo studio, l’espresso non dovrebbe essere bevuto appena svegliati, perché gli effetti della caffeina non avrebbero una lunga durata. Al momento del risveglio infatti, l’ormone che regola il nostro ritmo circadiano chiamato cortisolo è ai massimi livelli; siccome la caffeina interferisce con la produzione di questo ormone, il caffè non andrebbe assunto subito appena alzati. Appena svegli in pratica, la caffeina si andrebbe a sostituire al cortisolo che quindi non si attiva: meglio allora lasciare agire subito la nostra caffeina naturale e prendere un caffè qualche ora dopo per avere un effetto lunga durata.
Dal momento che il cortisolo è ai suoi massimi livelli la mattina, a metà giornata e alla sera, la risposta alla domanda “quando bere il caffè” potrebbe dunque essere: tra le 9.30 e le 11.30 e tra le 14 e le 17.

Quando prendono il caffè gli italiani?

C’è chi non mette i piedi fuori dal letto senza la sua tazzina di caffè, chi lo preferisce macchiato, chi cremoso e chi molto zuccherato. E chi il bar se lo porta in casa grazie a una macchina per il caffè.
Il caffè per molti è un rituale da rispettare e gli orari preferiti sono la mattina a colazione, dopo il pranzo e dopo la cena.
Eppure, se si vuole dare al nostro corpo la giusta carica, l’ora del caffè andrebbe spostata più in avanti preferendo invece una colazione più sostanziosa a base di bevande come il e aggiungendo un tocco di salato che aiuta ad arrivare fino all’ora di pranzo.
A chi fatica a svegliarsi, il neuroscienziato Miller suggerisce di cercare la luce naturale ed esporsi il più possibile ad essa: anche togliendo gli occhiali da sole se necessario. La luce catturata dalla retina infatti, stimola il rilascio di cortisolo.